ENU

Tipologia: Proggeto di un porta-bottiglie modulare.
Progettista: Alessio Zanzarella
Cliente: laboratoriomaslø
Anno: 2016-2017


LABORATORIOMASLØ.COMLEGGI NEWS "DESIGN PUGLIA 2017"LEGGI NEWS "TRISKE DIVENTA ENU"LEGGI NEWS "PUGLIA C. I. CATALOGUE"

CONCEPT

Dopo essere stato selezionato all’interno del contest “Puglia Crossing Identities” con il progetto di una texture, definita da una griglia isometrica di corconferenze connesse tra loro (leggi la news DESIGN PUGLIA 2017), l’architetto Alessio Zanzarella ha trasformato tale motivo decorativo in un oggetto funzionale.
Nasce così ENU, una enoteca da tavolo costituita da 2 pannelli di massello di “cedro africano” distanziati tra loro di circa 20 cm., decorati con la texture ideata dall’architetto (che è realizzata in gres porcellanato slim) e disegnati in modo da collezionare ed esporre 6 bottiglie tipo “bordolese”, il formato che comunemente viene utilizzato per imbottigliare il vino.
Su ciascun pannello sono praticati dei fori con circonferenze di diametro maggiore (pannello A) e minore (pannello B), in modo da “inserire” orizzontalmente la bottiglia e poggiarla sulle sezioni in corrispondenza del fondo (pannello A) e del collo (pannello B).
Le superfici in gres porcellanato slim (basso spessore) sono intagliate con macchina waterjet.
Enu è un oggetto che con la sua purezza definisce uno spazio fisico a “supporto” della cultura enogastronomica pugliese, che sempre maggiormente necessita di concetti, forme, idee per promuovere il territorio e i suoi prodotti.
Enu è un elogio della “terra” e dei suoi valori. Enu significa Puglia da un altro punto di vista … quello del design.
Il porta-bottiglie Enu è realizzato dall’azienda tarantina laboratoriomaslø.

DALLA TEXTURE ALLA MODULARITÀ

Le immagini seguenti rappresentano lo studio della texture concepita come una griglia isometrica di circonferenze, sia connesse tra loro a gruppi da 2 o da 3, sia collocate singolarmente.
L’architetto ha in seguito isolato alcune porzioni della texture, definendo sia il modulo decorativo corrispondente al diametro più grande (il corpo della bottiglia), sia quello relativo al diametro più piccolo (il collo della bottiglia), preservando, nonostante il “passaggio di scala”, la natura e la proporzione della decorazione.

PROTOTIPI

Una volta definiti i moduli, l’azienda laboratoriomaslø ha prodotto con la macchina waterjet i primi prototipi di lastre in gres porcellanato le quali sono state accoppiate con pannelli di legno di varia essenza (multistrato, abete, etc.) per verificarne la resistenza alle sollecitazioni di flessione della fibra e alle dilatazioni termiche. In fase di prototipazione, dopo diversi tentativi, è stata selezionata l’essenza di “cedro africano” che, date le dimenzioni del pannello, avrebbe resistito meglio agli sforzi di trazione-flessione della fibra durante la sua dilatazione.

PACKAGING

L’architetto ha realizzato anche il progetto di una valigia in cartone che potesse contenere il porta-bottiglie, in modo da garantire la giusta protezione dello stesso durante il suo trasporto. La valigia in cartone è realizzata completamente “a incastro”, con un solo punto di incollaggio, lungo la sua cerniera. È inoltre caratterizzata da un intaglio con fondo in cartoncino colorato, praticato nelle vicinanze della maniglia, per conferire al prodotto un “vestito” attraente e d’impatto.

COMUNICAZIONE & BRANDING

Il team di azestudio, coordinato dall’architetto Zanzarella, ha anche sviluppato la comunicazione di ENU, definendo il logo rappresentativo dell’oggetto e ideando il flyer di invito alla presentazione ufficiale del porta-bottiglie, che è avvenuta il 4 aprile 2017, presso il Salone del Mobile 2017 – Fiera Milano Rho. Oltre alla comunicazione cartacea, l’architetto ha ideato dei simpatici portachiave, realizzati con pantografo a laser, con la stessa forma del logo.

SHOOTING

L’architetto Zanzarella ha inoltre coordinato lo shooting di ENU, in modo che il porta-bottiglie potesse essere rappresentato nel modo migliore e fotografato dalla giusta angolazione.

SALONE DEL MOBILE

Dopo l’intenso anno trascorso tra progettazione e prototipi, l’architetto Zanzarella e Massimo Lomartire (titolare dell’azienda laboratoriomaslø) hanno esposto finalmente ENU nel padiglione dedicato al design pugliese, all’interno del Salone del Mobile 2017. Tanti i visitatori, tra cui il governatore della Regione Puglia Michele Emiliano, che si è congratulato sia con l’architetto Zanzarella che con il manager Massimo Lomartire per l’ideazione di Enu, un oggetto che rappresenta molto bene la Puglia e la sua volontà di proiettarsi su un mercato agroalimentare più attento all’immagine e al gusto estetico.